La magia del velo in sei versioni!

Molto più di un accessorio, il velo è un alone di incanto che rende ogni donna tanto affascinante da far battere il cuore non solo allo sposo. Ma ci sono regole di stile da rispettare per evitare stonature.
Chi non si emoziona nel veder avanzare la sposa celata da una nuvola di tulle? Ma non è facile scegliere il velo giusto. Ci sono regole di stile da rispettare per evitare stonature. Ecco allora qualche consiglio per azzeccare il modello più indicato. La prima regola, ferrea, è quella del “contrario”. Se il vestito è di pizzo il velo è a un solo strato di tulle; se l’abito è lineare il velo sarà più ricco. Poi c’è una questione di proporzioni da rispettare: il velo troppo corto impoverisce l’abito sontuoso. Se è troppo lungo “schiaccia” la sposa piccolina. Più strati ci sono più volume si crea: perfetto per un’esile e alta figura, un po’ meno per chi ha qualche chilo in più e qualche centimetro in meno.martone-sposa-velo
Alle spalle o petalo
E’ il velo corto a più strati, può arrivare al mento o al massimo a sfiorare le spalle ed è trattenuto solo da spilloni (niente tiara). Dà un’aria sbarazzina e infirmale pur essendo molto chic. Perfetto con un abito corto o per la cerimonia in Comune.

Al gomito o bouquet.
Arriva a nascondere i gomiti o, poco oltre, il bouquet. A uno o più strati ha una lunghezza classica che dona un po’ a tutte, avvolge le spalle ed è ideale con abiti molto scollati.
Al pavimento o valzer.
Deve sfiorare terra ma non di più, esattamente della stessa lunghezza dell’abito. Generalmente è a uno strato per non ingoffare la sposa. Si chiama anche velo da valzer perché la sua lunghezza non impaccia il ballo. Altezza minima richiesta della sposa 1,60 metri.

Con lo strascico o chapel veil.
Finalmente lo strascico, il più tradizionale e cerimonioso. A uno o più strati, è il sogno di tutte e sta bene a tutte. Però richiede lo sposo in tight.

Cathedral e royal veil.
Entrambi solenni. La differenza sta nella lunghezza dello strascico. Fino a 3 metri si chiama cathedral, oltre si passa al royal (il velo di Lady D era lungo 7 metri).

Mantilla.
Tipico velo ovale, a un solo strato con alto bordo ricamato o di pizzo. Si appunta semplicemente in testa e arriva a terra. Molto romantico e un po’ particolare, si sposa con un semplice abito a sottoveste, meglio ancora a sirena.

Aggiungi un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *