Il vestito da sposa: tra curiosità e tradizione

Il vestito da sposa: tra curiosità e tradizione

Il vestito da sposa è un sogno molte donne coltivano sin da bambine, secondo un ideale basato su gusti e tradizione. Ad oggi le collezioni giocano proprio su questi due aspetti proponendo abiti originali e classici per accontentare le esigenze di ognuna.

Vi siete chieste come fossero gli abiti da sposa nei secoli passati? Noi abbiamo fatto un viaggio nel tempo e abbiamo scoperto molte curiosità! Scopramole insieme.

Abiti Colorati del Medievolo e Rinascimento

Durante il Medioevo e il Rinascimento il vestito rappresentata la famiglia della sposa. Gli abiti nuziali erano sfarzosamente colorati di rosso, viola o blu. In particolare il rosso era simbolo di fertilità. Le decorazioni poi completavano quest’ostentazione di potere: pietre preziose, pellicce di ermellino e tessuti costosi erano un motivo di vanto, mentre le giovani popolane indossavano vestiti in lino o di lana.

Con l’avvento della controriforma e la diffusione di una morale cattolica, per le giovani spose fino alla metà del 1500 veniva scelto il colore blu indaco per il vestito del matrimonio, associato alla Vergine Maria. Fino alla fine del 1700, poi, le nobildonne sceglieranno pomposi abiti pastello decorati con oro ed argento e senza strascico.

L’Epoca Vittoriana

Fu la Regina Vittoria ad inaugurare la moda del vestito sfarzoso e bianco, con il velo ed una lunga coda, dei dettagli che non possono mai mancare  ancora oggi! Il mito dell’abito principesco nasce proprio in questi anni, facendo sospirare tante sposine che vogliono sentirsi delle regine nel loro giorno più bello.

I Folli Anni ’20

Linee rette, maniche larghe e scollature tradizionali. Negli anni ’20 domina la linea sofisticata che ricalca la stagione del Liberty e dell‘Art Decò. Le spose erano semplici, con cappellini alla moda e lunghi veli. Cominciava a nascere il tailleur ed anche per il matrimonio si seguiva la linea che poi dominerà durante il periodo della guerra.

Anni ’50 e Lusso Dior

Lo stilista Christian Dior creò uno stile femminile ed elegante che riportò in auge gli abiti sfarzosi. Le spose anni ’50 indossavano vestiti voluminosi con scolli a cuore, trasparenze e drappeggi e gli abiti avevano un lungo strascico.

Rivoluzione Anni ’60

I vestiti diventano corti e senza velo. Si punta ai dettagli con fiori che adornano i capelli o cappelli eleganti dal velo corto, lanciati dall’icona Audrey Hepburn. Un must era la cintura in vita che disegnava i corpi delle donne in pieno sconvolgimento culturale.

Lady D, un’icona

Negli anni ’80 sarà Lady Diana a creare un mito! Il suo vestito che è diventato un’icona di stile. Il lungo velo, le maniche bombate e l’enorme bouquet cascata diventano il desiderio di tutte le donne.

Dalle ultime decadi fino ai giorni nostri

Gli abiti di tendenza per la prossima stagione saranno semplici ed essenziali. L’eleganza sboccerà grazie ai dettagi come perline, fiori e pizzo macramè. Per i colori, sono riconfermate tutte le nuance del bianco, rosa cipria e sfumature che richiamino la natura.

A qualunque epoca e tendeza vi ispiriate, noi di Atelier Martone siamo pronti a supportarvi con tessuti pregiati e linee innovative, senza rinunciare alla tradizione. Prenota un appuntamento in Atelier e dai vita alla tua favola!

Aggiungi un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *